Il calzolaio di Angera


Un po di storia del calzolaio di Angera

 

Adriano Merighi, classe 1954 , nasce in una piccola valle del basso Trentino e appena adolescente si trasferisce in provincia di Varese con la famiglia; all’età di 14 anni inizia il suo lungo percorso lavorativo nel mondo delle calzature… da prima alle dipendenze in alcuni calzaturifici svolgendo mansioni importanti come modellista o responsabile qualità, e successivamente, all’età di 28 anni, decide di dar vita alla piccola bottega in via Mazzini ad Angera ed entrare nel fantastico mondo dell'artigianato…


Adriano

L’arte dell’arrangiarsi è parte di lui e presto con umiltà, esperienza nel settore, e voglia di emergere crea una vasta e assortita clientela…..

Nel 2011, dopo ben 29anni di onorata carriera, la bottega conserva ancora tutte le virtù che l’hanno sempre contraddistinta e Adriano passa il testimone al figlio Mirko 35enne…

Dal canto suo Mirko Merighi, dopo aver dedicato anni al settore dell’elettrotecnica e dell’informatica, decide che è il momento di cambiar vita e di seguire le orme del padre: il 16maggio 2011 inizia a maneggiare i primi attrezzi e  nel gennaio 2012 avviene l’ufficiale passaggio del testimone. In realtà il padre continua ad affiancare il figlio in molte lavorazioni che richiedono esperienza e abilità manuali elevate e per tanto restano ancora di sua competenza.

Il cambio generazionale e la conseguente innovazione tecnologica apportano molti sviluppi all’interno della piccola bottega di via Mazzini:

Partendo dall’impiego di nuovi materiali e nuove attrezzature che permettono diverse nuove lavorazioni, fino ad arrivare alla banale nascita di questo sito internet.

Il primo ottobre 2013 viene raggiunto un nuovo traguardo: in via Aldo Moro 31 a Travedona Monate papà Adriano gestirà un nuovo negozio. Si tratta di un punto di raccolta scarpe per la comunità travedonese e limitrofi, ma comunque un ottimo servizio che in pochi mesi si rileva essere una scelta vincente.

Il primo Gennaio 2014 il Calzolaio di Angera cambia denominazione e prende il nome di "CALZOLERIA ANGLERIA" in omaggio alla città che per prima ha reso possibile il suo sviluppo, definendo come unico titolare Merighi Mirko e come collaboratore il sapiente supervisore Adriano.